EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE



standard

Il Culto della Madonna di Costantinopoli a Marittima 0

screenshot-cost

“Benvenuti a tutti al sesto appuntamento con i video di Salento in LIS.

Oggi parleremo della leggenda legata al culto della Madonna di Costantinopoli venerata a Marittima, un paesino collocato nel basso Salento distante 48km da Lecce. La secolare devozione di Marittima per la Madonna di Costantinopoli è collegata al miracoloso ritrovamento della sua immagine, avvenuto nei primi del 1600, proprio nel luogo dove oggi sorge il piccolo ed artistico Santuario a Lei dedicato.
Si racconta che nell’anno 1589, l’allora parroco Don Domenico Coluccia in una sera d’estate, mentre passeggiava sui terrazzi della sua casa, vide una luce, come se vi fosse accesa una grande fiaccola nel bosco che si trovava vicino al paese. Questa luce meravigliosa richiamò la sua attenzione, e anche quella degli abitanti di Marittima e di Castro, per le due sere successive.
Il parroco, così, radunati i suoi fedeli, si recò nel luogo segnato dalla luce, con zappe e badili. Sotto un cespuglio trovarono una pila capovolta e sollevandola si accorsero che dentro conteneva una lastra di pietra sulla quale era dipinta un’immagine della Madonna. L’inattesa scoperta fu una grande gioia per i Marittimesi i quali, in suo onore, costruirono una nicchia nella quale collocare l’immagine rinvenuta.
Qualche tempo dopo, considerato che questa nicchia si trovava lontana dal paese , pensarono di fabbricare una cappella in un luogo più vicino per facilitarne l’accesso e rendere più frequente il culto.
Pare però che la Madonna non volle cambiar luogo e che, portata e riportata per ben tre volte nella nuova destinazione, si fece sempre ritrovare, con stupore di tutti, nel punto del primo ritrovamento. Gli abitanti compresero così che quello era il sito scelto da Maria e che di là voleva dispensare le sue grazie. In quel luogo il 14 settembre 1610, di martedì, si iniziò a costruire il Santuario che tutt’ora esiste.

L’affresco della Madonna col Bambino è ancora oggi custodito in una raggiera di pietra lavorata sull’altare maggiore del santuario di S. Maria di Costantinopoli, edificato nel 1610. Questo piccolo edificio ha conservato sempre intatte le sue linee primitive ed è stato, nel corso del tempo,  riccamente decorato e abbellito di altari e di stucchi settecenteschi che danno all’insieme un sapore barocco.

Come tradizione, la festa liturgica in onore di S. Maria di Costantinopoli (compatrona del Paese) è il primo martedì di marzo. Negli ultimi anni i festeggiamenti civili e religiosi sono stati spostati al primo martedì di agosto sia per ovviare alle incertezze metereologiche di marzo che per venire incontro ai marittimesi assenti dal paese per ragioni di lavoro.
In questa occasione la statua della Madonna approda all’ “Acquaviva” con una suggestiva processione in barca per un tratto di mare che bagna tutta la marina di Marittima. Da qui, la processione continua a piedi e, con una fiaccolata, viene accompagnata al suo Santuario.

Il nostro video finisce qui. Parole in Mano vi ringrazia per l’attenzione. Al prossimo appuntamento.”*

*(il testo scritto differisce leggermente dalla versione in LIS del video)

 

Una produzione di PAROLE IN MANO

Con il Patrocinio del Comune di Diso
e della Parrocchia San Vitale Martire di Marittima

FONTI BIBLIOGRAFICHE
“MARITTIMA – Ambiente e Storia”, di Vittorio Boccadamo, Congedo Editore (1983)
“Marittima un Paese del Salento – L’UOMO L’AMBIENTE LA CULTURA”, di Alfredo Quaranta, Congedo Editore (1994)
“S. MARIA DI COSTANTINOPOLI a MARITTIMA”  a cura di Santino Minonne, Grafiche Giorgiani (2001)

PROGETTAZIONE, COORDINAMENTO , RIPRESE E TESTI,
SUPERVISIONE AL MONTAGGIO:
MARIANNA MINONNE

Con la collaborazione di:
ALESSIA NUZZO
PAOLA MUSARÒ

INTERPRETE LIS:
ANTONELLA TEDESCO

RIPRESE, FOTOGRAFIA SCENE IN LIS, COMPOSITING,  MONTAGGIO:
WALTER STOMEO

PROGETTO GRAFICO:
ALESSIA NUZZO

**Le immagini del Santuario di Maria SS. di Costantinopoli sono riprodotte su licenza dell’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Otranto, che ne conserva la proprietà.

***Si ringraziano il Comitato Feste SS. Maria di Costantinopoli 2014 di Marittima per la gentile collaborazione e l’Associazione Magna Grecia Mare per le riprese in mare.

 

Associazione Parole in Mano
Via Silvio Pellico, 5
73030 – Marittima di Diso (LE)
C.F. 92026310752

www.paroleinmano.it
mail: paroleinmano@libero.it

Nessun Commento Inserito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *